DONNE per  un NUOVO PATTO SOCIALE


Le donne nel corso della storia hanno lottato per vedere riconosciuta la pari dignità e i pari diritti con l’uomo,  compagno di strada da sempre.

 

Dall’ultimo dopoguerra,  donne credenti e non credenti, unite nell’impegno, hanno ottenuto risultati significativi sul piano della partecipazione democratica e dell’ uguaglianza delle opportunità.

 

 La strada da percorrere è ancora lunga nel nostro paese e in molti paesi del mondo: permane quotidianamente anche in Italia la violenza contro le donne, è praticato in tante parti del mondo lo stupro come arma di guerra e persiste  l’orribile pratica delle mutilazioni genitali femminili, la donna è sottoposta a processi iniqui.

 

Ancora praticate sono nel nostro Occidente tante modalità di discriminazione sul lavoro e molteplici forme di stereotipi, che perpetuano pregiudizi, così come si fa strada una cultura che promuove un uso strumentale del corpo della donna.

 

Il compito che l’attuale organizzazione sociale impone alle donne è particolarmente complesso: tenere insieme il ruolo di moglie, di madre, di lavoratrice, di casalinga, di sostegno agli anziani,  di cittadina attiva e informata diventa difficile.

 

 E’ necessario un nuovo patto sociale che veda impegnati tutti gli attori.